Pneumatici per maxienduro

Il problema di chi non si limita a percorsi stradali ma azzarda anche uscite fuoristrada sono le gomme.
Non esistono pneumatici tasselati omologati per questo tipo di moto, è necessario il codice di velocita H (finoa 210 kmh) ed è troppo persino per i diffusissimi Conti tkc 80.

A nulla serve far valere la Circ.Min.Trasporti che tratta del riconoscimento delle marcature equivalenti nel caso di pneumatici omologati per uso invernale, sia la Motorizzazione Civile che l’Ufficio Verbali della Polstrada hanno confermato che in caso di problemi ( leggasi incidente) quello che fa fede è la carta di circolazione.

A questo punto la soluzione sono le gomme semi tassellate, ce ne sono in commercio soltanto tre: le Metzeler Enduro 3 Sahara, le Heidenau K60 e le più recenti Goldentyre GT 200 e GT 205.

La scelta più comune sono le Metzeler , anche se sono, dal punto di vista fuoristradistico, poco più efficaci di comuni gomme da strada.

Una soluzione più esotica, adottata anche dal sottoscritto, sono le tedesche Heidenau K60; personalmente le considero superiori alle Metzeler sia su strada che in off, almeno finchè si va sull’asciutto.
Inoltre hanno una fastidiosa tendenza alla foratura, forse andrebbe progettata una carcassa più resistente.

Un’alternativa decisamente più votata al fuoristrada sembrano essere le Goldentyre Gt 200 (posteriore) e GT 205 (anteriore).
Similmente alle Continental TKC80 (vera pietra di paragone in questo settore) , sono dotate di tasselli di rilevanti dimensioni correttamente spaziati tra loro per una buona riuscita in fuoristrada, ma hanno un vantaggio rispetto alle TKC : sono in codice H, quindi si possono montare senza uscire dai parametri di omologazione del mezzo.

Sicuramente da provare.

Posted: March 24th, 2010
at 12:15am by admin

Tagged with , , , , , ,


Categories: DualSport,Enduro,Equipaggiamento,Fuoristrada,Pneumatici

Comments: No comments


Ricky Carmichael

Più semplicemente RC o THE G.O.A.T (the greatest of all time), è considerato uno dei più grandi campioni di motocross mai apparso sullo scenario mondiale.

Il suo stile di guida estremamente aggressivo gli ha permesso di conquistare un numero elevatissimo di vittorie e di dominare sia campionato indoor (AMA Supercross) ,  che il campionato outdoor (AMA National).

Ha vinto 22 titoli AMA, e una volta il Motocross delle Nazioni con il team USA.

YouTube Preview Image YouTube Preview Image

Posted: March 3rd, 2010
at 10:23pm by admin

Tagged with , , ,


Categories: Cross,Personaggi

Comments: No comments


Fari allo Xeno aftermarket

Il montaggio aftermarket illegale di proiettori allo Xeno è pericoloso e vietato
Il permesso di circolazione del veicolo decade, la copertura assicurativa viene limitata – valore di abbagliamento fino a 100 volte più elevato
Per chi intende seguire le istruzioni fai da te: si acquista un set con cavi, fonte luminosa allo Xeno e ballast, si toglie la lampadina alogena dal proiettore, si pratica un foro nella calotta di copertura, si inserisce la lampadina allo Xeno nel riflettore, si collega il ballast elettronico alla rete di bordo e il proiettore allo Xeno è pronto. Chi agisce in questo modo mette in pericolo gli altri utenti della strada a causa del forte abbagliamento e si comporta in modo illegale: il permesso di circolazione del veicolo decade e viene limitata la copertura assicurativa. Sono legali solo i set di proiettori allo xeno completi e omologati comprendenti la correzione assetto fari automatica e l’impianto lavafari.
È vietato quindi trasformare un proiettore alogeno in un proiettore allo Xeno:
In Europa è consentito montare aftermarket solo sistemi completi di proiettori allo Xeno, costituiti da: un set di proiettori omologati (alcuni con il contrassegno E1 sul trasparente frontale), una correzione automatica dell’assetto fari e un impianto lavafari (disposizione secondo la normativa ECE R48 e § 50 STVO, comma 10).
Ogni proiettore ottiene l’omologazione insieme alla sorgente luminosa (alogena o allo Xeno) con la quale deve funzionare. Se la sorgente luminosa viene sostituita con una non omologata e non prevista dall’omologazione del proiettore, questa omologazione decade e insieme ad essa anche il permesso di circolazione del veicolo (§19 STVZO, comma 2, frase 2, Nr. 1). Guidare senza permesso di circolazione porta alla limitazione della copertura assicurativa (§ 5, comma 1, Nr. 3 KfzPflVV – legge sull’assicurazione obbligatoria dei veicoli). Anche chi vende dispositivi luminosi non omologati deve rispondere dei diritti di indennizzo dell’acquirente, in quanto vendendo questi pezzi il venditore si assume non solo la garanzia che questi debbano essere utilizzati per lo scopo previsto, ma anche i rischi di eventuali danni, senza limitazioni.
Alto valore di abbagliamento: Durante le misurazioni nel laboratorio per l’illuminazione, gli specialisti Hella hanno stabilito che la distribuzione della luce di un proiettore sviluppato per le lampadine alogene e adesso adattato illegalmente a una sorgente luminosa allo Xeno, non corrisponde più ai valori originali calcolati. Nei sistemi a riflessione sono stati misurati dei valori delle luci anabbaglianti che superano i valori limite consentiti fino a 100 volte. I proiettori di questo veicolo non possiedono più il limite chiaro/scuro e inoltre non sono più regolabili. I valori delle luci anabbaglianti corrispondono a quelli dei proiettori abbaglianti. Questo provoca un alto rischio per gli altri utenti della strada.
Del tutto legale è invece il montaggio aftermarket dei proiettori allo Xeno forniti da Hella come set completi (proiettori doppi, correzione assetto fari e impianto lavafari omologati) sia per Audi A3, BMW Serie 5, Ford Focus, Mercedes Benz Classe E, Opel Astra, VW Golf IV sia per veicoli commerciali come Mercedes Benz Actros, Scania BR4 e Fiat Ducato. In questo modo è possibile sfruttare al meglio i vantaggi delle efficienti luci allo Xeno:
- Più del doppio di potenza luminosa rispetto alla lampadina alogena;
- Illuminazione della sede stradale più chiara e ampia;
- Qualità delle luci sempre più vicina alla luce diurna (temperatura di colore delle luci alogene 3.200 Kelvin, delle luci allo Xeno 4.300 Kelvin, delle luci diurne con luce del sole 5.300 Kelvin) per venire incontro alle abitudini visive delle persone e per fare in modo che l’automobilista non si stanchi facilmente e guidi più rilassato.
- I pericoli sulla sede stradale o gli ostacoli davanti al veicolo vengono facilmente riconosciuti, i pedoni e i ciclisti si vedono meglio.
- Le luci allo Xeno aumentano i contrasti e la visione dei colori. In caso di forti temporali migliora la visibilità ambientale.
Testo e immagini tratti dal sito www.hella-press.com

Il montaggio aftermarket illegale di proiettori allo Xeno è pericoloso e vietato
Il permesso di circolazione del veicolo decade, la copertura assicurativa viene limitata – valore di abbagliamento fino a 100 volte più elevato
Per chi intende seguire le istruzioni fai da te: si acquista un set con cavi, fonte luminosa allo Xeno e ballast, si toglie la lampadina alogena dal proiettore, si pratica un foro nella calotta di copertura, si inserisce la lampadina allo Xeno nel riflettore, si collega il ballast elettronico alla rete di bordo e il proiettore allo Xeno è pronto. Chi agisce in questo modo mette in pericolo gli altri utenti della strada a causa del forte abbagliamento e si comporta in modo illegale: il permesso di circolazione del veicolo decade e viene limitata la copertura assicurativa. Sono legali solo i set di proiettori allo xeno completi e omologati comprendenti la correzione assetto fari automatica e l’impianto lavafari.
È vietato quindi trasformare un proiettore alogeno in un proiettore allo Xeno:In Europa è consentito montare aftermarket solo sistemi completi di proiettori allo Xeno, costituiti da: un set di proiettori omologati (alcuni con il contrassegno E1 sul trasparente frontale), una correzione automatica dell’assetto fari e un impianto lavafari (disposizione secondo la normativa ECE R48 e § 50 STVO, comma 10). Ogni proiettore ottiene l’omologazione insieme alla sorgente luminosa (alogena o allo Xeno) con la quale deve funzionare. Se la sorgente luminosa viene sostituita con una non omologata e non prevista dall’omologazione del proiettore, questa omologazione decade e insieme ad essa anche il permesso di circolazione del veicolo (§19 STVZO, comma 2, frase 2, Nr. 1). Guidare senza permesso di circolazione porta alla limitazione della copertura assicurativa (§ 5, comma 1, Nr. 3 KfzPflVV – legge sull’assicurazione obbligatoria dei veicoli). Anche chi vende dispositivi luminosi non omologati deve rispondere dei diritti di indennizzo dell’acquirente, in quanto vendendo questi pezzi il venditore si assume non solo la garanzia che questi debbano essere utilizzati per lo scopo previsto, ma anche i rischi di eventuali danni, senza limitazioni.
Alto valore di abbagliamento: Durante le misurazioni nel laboratorio per l’illuminazione, gli specialisti Hella hanno stabilito che la distribuzione della luce di un proiettore sviluppato per le lampadine alogene e adesso adattato illegalmente a una sorgente luminosa allo Xeno, non corrisponde più ai valori originali calcolati. Nei sistemi a riflessione sono stati misurati dei valori delle luci anabbaglianti che superano i valori limite consentiti fino a 100 volte. I proiettori di questo veicolo non possiedono più il limite chiaro/scuro e inoltre non sono più regolabili. I valori delle luci anabbaglianti corrispondono a quelli dei proiettori abbaglianti. Questo provoca un alto rischio per gli altri utenti della strada.
Del tutto legale è invece il montaggio aftermarket dei proiettori allo Xeno forniti da Hella come set completi (proiettori doppi, correzione assetto fari e impianto lavafari omologati) sia per Audi A3, BMW Serie 5, Ford Focus, Mercedes Benz Classe E, Opel Astra, VW Golf IV sia per veicoli commerciali come Mercedes Benz Actros, Scania BR4 e Fiat Ducato. In questo modo è possibile sfruttare al meglio i vantaggi delle efficienti luci allo Xeno: - Più del doppio di potenza luminosa rispetto alla lampadina alogena;- Illuminazione della sede stradale più chiara e ampia;- Qualità delle luci sempre più vicina alla luce diurna (temperatura di colore delle luci alogene 3.200 Kelvin, delle luci allo Xeno 4.300 Kelvin, delle luci diurne con luce del sole 5.300 Kelvin) per venire incontro alle abitudini visive delle persone e per fare in modo che l’automobilista non si stanchi facilmente e guidi più rilassato.- I pericoli sulla sede stradale o gli ostacoli davanti al veicolo vengono facilmente riconosciuti, i pedoni e i ciclisti si vedono meglio. - Le luci allo Xeno aumentano i contrasti e la visione dei colori. In caso di forti temporali migliora la visibilità ambientale.
Testo tratto  dal sito www.hella-press.com

Posted: March 3rd, 2010
at 10:03pm by admin

Tagged with , ,


Categories: Accessori,Tecnica,Tuning

Comments: No comments


Mike Metzger

Per gli appassionati è conosciuto come  “The Godfather of Freestyle Motocross”.

E’ tra coloro, insieme a Travis Pastrana e pochi altri, che hanno portato alla ribalta il motocross freestyle (FMX),   specialità caratterizzata da pochi ma significativi ingredienti : moto da cross, salti, figure acrobatiche e musica metal.                                                                                                                                                                                                                           In poche parole un condensato di spettacolo come pochi altri sulla faccia della terra.

Metzger è un  fervente cultore del Freeride Freestyle : acrobazie in spazi aperti, quasi sempre deserti, avvalendosi se possibile solo di trampolini naturali; potrà sembrare esagerato ma per riprendere questi evoluzionil’elicottero è indispensabile.

Vedere per credere.

YouTube Preview Image YouTube Preview Image

Posted: March 3rd, 2010
at 9:17pm by admin

Tagged with , , , , ,


Categories: Fuoristrada,Personaggi

Comments: No comments


BMW S 1000 RR, primi problemi?

Così pare:
http://www.motoblog.it/post/23183/bmw-s-1000-rr-necessario-un-limitatore-per-il-rodaggio

http://www.slideshare.net/guestd00407b2/s1000-r-r-b-r-e-a-k-i-n

Nessun’altra moto sportiva ha bisogno di questo trattamento, obbligatorio peraltro;
e se qualcuno l’avesse acquistata per girare esclusivamente in pista?

Girare su strada con un mezzo del genere ha poco senso viste le sue prestazioni e credo che non siano pochi quelli che l’hanno acquistata senza  immatricolarla per destinarla  a girare  esclusivamente su pista, uso perfettamente in linea con la natura della moto.

A costoro toccherà la penitenza di fare 1000km di rodaggio su un circuito, a pagamento?

Un po’ di reazioni:

http://f800riders.org/forum/showthread.php?t=37652

Fatevi valere e in bocca al lupo.

Posted: March 2nd, 2010
at 10:46pm by admin

Tagged with , ,


Categories: Bmw,Pista

Comments: 1 comment


Yamaha XT1200Z Super Ténéré, occasione perduta?

Oggi è stata presentata la nuova Yamaha XT1200Z Super Ténéré.

C’è da dire che Yamaha è stata in gamba nel creare aspettative tra gli appassionati, e stasera più di qualcuno – a leggere nei forum – è stato deluso.

Sono convinto che si tratti di un’ottima moto, dalle indubbie qualità, in questo Yamaha ci ha abituato bene, ma i più ottimisti si aspettavano un modello che richiamasse, non soltanto nel nome, l’originale Super Ténéré.

Quello che hanno avuto sembra essere l’ennesimo bombardone da 100 e passa cavalli, con ruota da 19 pollici all’anteriore, elettronica a volontà e un peso dichiarato di 261kg.

La sua destinazione d’uso?
Il turismo stradale, che domande; al limite, proprio per esagerare, una buona strada bianca.
Copre più il segmento della TDM, altro modello storico della casa, che quello della XTZ 750.

Speriamo che le prove su strada smentiscano questa impressione.

La delusione è ancora maggiore se si considera  che in Yamaha conoscono bene la ricetta per fare una buona tuttoterreno, basti pensare alla XTZ 660  Ténéré alla quale si possono rimproverare solo un pò di chili di troppo, ma che in cambio offre una buona guidabilità sia su strada che fuoristrada, un’affidabilità da jap di una volta, una ruota da 21 pollici all’anteriore -  che in off non fa mai male -  e un prezzo d’acquisto che, paragonato ad quello di altri modelli concorrenti, può essere considerato vantaggioso.

A questo punto ho paura di vedere ciò che tirerà fuori la Honda quando si deciderà a rimettere in produzione l’Africa Twin.

Posted: February 25th, 2010
at 1:00am by admin

Tagged with , , , , ,


Categories: Fuoristrada,Stradali,Viaggio,Yamaha

Comments: No comments


See you soon Mr.Buell

Il 15 ottobre la Harley Davidson, proprietaria del marchio, ha annunciato la fine della Buell.

Questo è il messaggio con il quale Erik Buell, il fondatore, spiega i motivi della chiusura.

La speranza è che n0n stia lontano per troppo tempo dal mondo delle due ruote.

YouTube Preview Image

Posted: October 19th, 2009
at 9:13pm by admin

Tagged with , ,


Categories: Personaggi,Video

Comments: No comments


Photo #1

Thanks to: Advfactory

Posted: September 30th, 2009
at 9:35pm by admin

Tagged with , , , , , ,


Categories: Viaggio

Comments: No comments


Atom Bomb Custom Motorcycles

Questo preparatore basa le proprie creazioni su vecchi modelli inglesi, Triumph e Bsa soprattutto, il risultato sono moto dai tratti essenziali, spartane, dove l’estetica del motore è l’elemento predominante.

Posted: September 14th, 2009
at 10:19pm by admin

Tagged with , , , , ,


Categories: Cafè racer,Custom,Scrambler,Triumph,Tuning,Vintage

Comments: No comments


Se fosse un film…

Se la storia della Cagiva fosse un film potrebbe essere “Amarcord” oppure” Once we were warriors”

YouTube Preview Image

Posted: September 7th, 2009
at 9:54pm by admin

Tagged with , , , ,


Categories: Cagiva,Enduro,Rally

Comments: No comments


Casa Stewart

James “Bubba”Stewart per la precisione.
Il migliore pilota da cross  in circolazione , uno dei più grandi talenti mai visti, superato solo da Ricky Carmicheal , The G.O.A.T.

Da notare il giardino, indispensabile per l’allenamento quotidiano.

YouTube Preview Image

Nella foto una “scrubbata”, tecnica nella quale Bubba è un maestro.

bubba-scrub

Posted: September 1st, 2009
at 10:27pm by admin

Tagged with , , ,


Categories: Cross,Fuoristrada,Personaggi

Comments: No comments


Métisse Desert Racer

Gli inglesi della Métisse Motorcycles hanno ricostruito e messo in produzione, anche se soltanto in 300 esemplari, la Métisse McQueen Desert Racer:  l’esatta replica della moto sviluppata e utilizzata dal leggendario Steve McQueen per le competizioni cui prese parte.

YouTube Preview Image

Posted: August 26th, 2009
at 10:34pm by admin

Tagged with , , , , ,


Categories: Cafè racer,Enduro,Fuoristrada,Personaggi,Scrambler,Triumph,Tuning,Vintage

Comments: No comments


Moto elettrica: motociclismo senza colonna sonora?

Il suono del motore è musica per gli appassionati.
Come gli audiofili anche i motociclisti sono divisi in gruppi: chi apprezza gli acuti dei 4 valvole, chi il suono cupo dei 2 valvole, chi il sound irresistibile delle Guzzi e chi preferisce il rumore Made in Milwaukee.

Con l’avvento delle moto elettriche tutto ciò è destinato a sparire, e rappresenta una  buona parte della passione che anima i motociclisti.
E’ innegabile che le moto elettriche siano una realtà, e anche molto concreta, la loro diffusione dipende solo dall’abbattimento dei costi di produzione e dalla necessità di avere batterie più capienti; cose che avverranno entro pochi anni.

Sinceramente se penso che, tra qualche anno, potrei fiondarmi fuori da una curva accompagnato dal rumore di un frullatore, mi viene un pò di tristezza, davvero.

Alcuni dei migliori concerti per valvole e pistoni:

Aprilia/Rotax bicilindrico 4 valvole

YouTube Preview Image

Ducati bicilindrico 4 valvole

YouTube Preview Image

Ducati bicilindrico 2 valvole

YouTube Preview Image

Guzzi bicilindrico 2 valvole

YouTube Preview Image

Honda bicilindrico 4 valvole

YouTube Preview Image

Suzuki 4 cilindri 4 valvole

YouTube Preview Image

Ktm monocilindrico 2 tempi

YouTube Preview Image

Quantya elettrico

YouTube Preview Image

Posted: August 25th, 2009
at 10:11pm by admin

Tagged with , , , , , , , , ,


Categories: Aprilia,Ducati,Honda,Ktm,Moto Guzzi,Suzuki,Tecnica,Video

Comments: No comments


Kalex Engineering, ovvero del ritorno del Rotax.

La Kalex è un’azienda specializzata nella progettazione e nella produzione di parti speciali per mezzi ad alte prestazioni.
Partendo da queste basi hanno deciso di creare una moto sportiva dalle prestazioni estreme, la
Kalex Av1.

Il propulsore è una vecchia conoscenza: il bicilindro V60 Rotax che ha mosso tutte le maxi prodotte dall’Aprilia, e ora abbandonato in attesa di un bicilindrico ( si dice di 1200 cc) prodotto a Noale.
Questo motore è stato elaborato e portato a una cilindrata di 1100 cc, ora eroga 163 cv a 9.500 giri.
Anche gli altri componenti della moto sono ad altissimi livelli e il risultato è una supersport di soli 155kg per 163cv,  numeri da superbike.

Posted: August 25th, 2009
at 8:42pm by admin

Tagged with , , , , ,


Categories: Aprilia,Pista,Tuning

Comments: No comments


Usato sicuro: Suzuki DRZ 400

E’ in vendita dal 2000, ha subito, nel corso degli anni, pochissimi cambiamenti ed è diventata la moto di riferimento per gli appassionati di fuoristrada, soprattutto i rallysti, che cercano un mezzo  affidabile, agile e dai costi di gestione non proibitivi.

Ne esistono due versioni: la S, turistica, importata dalla Suzuki e la E, più performante, importata da Valenti Racing.
Le differenze si possono riassumere in: dieci chili in meno,  sospensioni più prestazionali,  e undici cv in più a favore della E.

Questa versione  ha anche un’altra carta da giocare:  la doppia omologazione enduro/motard.

Nel 2006 anche per la S è stata prodotta una versione supermotard: la SM

L’affidabilità e la longevità di queste moto dipendono dal fatto che gli organi meccanici sono sovradimensionati, essendo stati progettati, in origine, per un motore di 600 cc poi ridotto a 400 cc.

La manutenzione, per entrambi i modelli,  è alquanto ridotta:
per la S è previsto un cambio d’olio ogni 5000 km, ogni 60 ore di utilizzo per versione E,  inoltre intorno i 40.000 km sarebbe opportuno, sia per la S che per la E, prendere in considerazione una revisione totale del motore, con sostituzione del pistone, delle fasce e della catena di distribuzione.

Entrambe hanno bisogno di un buon paramotore, visto che quello di serie è di plastica e, in caso di utilizzo agonistico, si rende necessario un irrobustimento delle sospensioni.

Per la versione S le modifiche, nel corso degli anni, consistono nell’adozione, nel 2001, di un sistema di immissione di aria fresca nei gas di scarico, ai fini dell’omolgazione Euro 2, inoltre, nel 2002, anche su questa versione vengono montate sospensioni regolabili come sulla E, anche se con taratura più soft e infine, nel 2003, è stato sostituito il tenditore della catena di distribuzione.

Per quanto riguarda la E le modifiche sono state l’adozione di un nuovo tenditore della catena di distribuzione, nel 2003, e, sempre nello stesso anno, l’utilizzo di una nuova testa che ha permesso di ottenere un incremento di potenza di circa 5 cv.

E’ possibile montare su ogni versione i componenti dell’altra, cosi ci sono S con la testa e le molle delle sospensioni della E, e modelli di quest’ultima che montano il telaietto reggisella della S, molto più robusto e adatto al montaggio delle borse.

Posted: August 18th, 2009
at 12:21am by admin

Tagged with , , , , , , , , ,


Categories: DualSport,Enduro,Fuoristrada,Motociclismo Low Cost,Suzuki

Comments: No comments


Datemi una scrambler

Questa è la giacca che avrebbe indossato Steve McQueen durante la Six Days Trial Of Scotland del ’64, altro che il Belstaff Trialmaster.

Ai giorni nostri è il complemento ideale di una Scrambler o di una Cafè Racer old style.

E’ prodotta da  Mister Freedom, L.A. California.

Posted: August 17th, 2009
at 11:41pm by admin

Tagged with , ,


Categories: Abbigliamento,Cafè racer,Scrambler,Vintage

Comments: No comments


Red Bull Romaniacs Hard Enduro Rallye 2009 Parte II

Solo foto: Prologo e Day 1

Fonte: www.redbullromaniacs.com

Posted: August 17th, 2009
at 10:42pm by admin

Tagged with , , , , , , , ,


Categories: Enduro,Fuoristrada

Comments: No comments


Red Bull Romaniacs Hard Enduro Rallye 2009

Non è per tutti, anche gli aficionados dell’Erzberg Rodeo si trovano in difficoltà in una competizione come il Red Bull Romaniacs.

Rappresenta il lato estremo dell’enduro, già dal prologo si inizia a fare strage selezione di piloti, i giorni seguenti per alcuni possono essere molto difficili.
Complice l’eccezionale natura dei luoghi, il percorso affronta colline e montagne, presenta prove in linea e di navigazione, ostacoli naturali e artificiali, il vincitore è un misto di trialista,rallysta,crossista.

Chi non si adatta non fa molta strada.

PromoYouTube Preview Image

PrologoYouTube Preview Image

Day 1 YouTube Preview Image


Posted: August 17th, 2009
at 10:34pm by admin

Tagged with , , , , , , ,


Categories: Enduro,Fuoristrada,Video

Comments: No comments


Honda Evo 6

honda_evo_6Il magazine spagnolo Solo Moto ha annunciato che nel 2010 dovrebbe essere messa in produzione la Honda Evo 6, il cui prototipo è stato presentato al Salone di Tokio del 2007.

E ‘una naked, o meglio “supernaked”,  basata sul motore boxer 6 cilindri, 1832 cc di cilindrata, della Gold Wing e, se manterrà le caratteristiche del  prototipo visto negli anni scorsi, sarà qualcosa di veramente nuovo.
Infatti sul modello visto nel 2007 erano assenti sia la leva della frizione che il pedale del cambio, quindi a livello di meccanica il motore della Gold Wing verrebbe rivoluzionato con l’introduzione di nuove e sofisticate automazioni e sarebbe l’occasione per la Honda per fare un nuovo. importante, passo avanti.

Posted: August 12th, 2009
at 11:30pm by admin

Tagged with , , , ,


Categories: Honda,Stradali

Comments: No comments


Motor Rock

Sono di Nagoya, Giappone, e si stanno facendo conoscere in occidente grazie alle loro cafè racer basate principalmente  su Kawasaki W650s e Yamaha SR400s.

Motor Rock propone moto per appassionati in grado di apprezzare le particolare soluzioni da loro adottate sia per la parte meccanica che per quella ciclistica.
Tutte meritano un’occhiata approfondita, ad un primo esame alcuni dettagli potrebbero sfuggire…

Posted: August 12th, 2009
at 10:43pm by admin

Tagged with , , ,


Categories: Cafè racer,Custom,Tuning,Vintage

Comments: No comments


« Older Entries